Blog

FB_IMG_1571895151767

La penisola salentina con il mar ionio a ovest e adriatico a est è la destinazione perfetta per chi ama essere circondato dalla bellezza della natura. Il paesaggio è uno dei pendii verdi e lunghezze di sabbia dorata che si estendono per miglia, collegando pittoresche città e villaggi. In alto sopra l’acqua cristallina si innalzano imponenti scogliere, fungendi da punti di vista ideali del paesaggio esotico. Sparse lungo la costa ci sono diverse torri costruitte intorno al XVi secolo come posti di guardia per proteggere la penisola dall’invasione. Oggi sono costanti ricordi dello splendore dell’architettura militare. L’esplorazione della campagna rivela gran parte della bellezza naturale della zona. Idilliache strade di campagna sono delimitate da uliveti dove tronchi nodosi e contorti sono sormontati da un fogliame verde vellutato. Come importante risorsa naturale, questi alberi pittoreschi sono stati considerati come uno dei simboli del salento.

Sparsi nei campi troviamo i “furnieddhi”, piccole costruzioni in pietra costruite dai lavoratori del territorio come case di lusso. Altri imperdibili esempi di architettura rurale includono i numerosi forti che, oltre al loro scopo difensivo, sono espressioni di civiltà passate.sebbene ora molti si trovano in rovina, altri sono stati ricostruiti con successo e ora ospitano ristoranti e luoghi di intrattenimento.

Il salento è anche famoso per la sua cucina semplice e genuina, basata in gran parte sui prodotti locali sia dalla terra che dal mare. La freschezza e la qualità degli ingredienti si combinano per produrre piatti ricchi di sapore e colore. Tra le deliziose specialità locali ci sono: “pittule”, cavolfiori o cime di rapa fritti in una pastella “scapece”, minuscolo pesce imbevuto di aceto e poi fritto, tradizionalmente servito con pane e zafferano; “carteddhate e purceddhuzzi”piccole torte fatte di pasta sfoglia e ricoperte di miele e cannella. Durante tutto l’anno ci sono molti festival che mostrano varie espressioni della cultura e del folklore locali. Caratteristici di tali eventi sono fuochi d’artificio, lucine, decorazioni, e fasce e naturalmente offrono ai visitatori l’opportunità unica di incontrare gente del posto e sperimentare una cultura diversa.

Anche la religione è un elemento importante della vita nel salento e ci sono numerose feste dedicate ai vari santi. Questa devozione religiosa collega le persone del moderno salento ai loro antenati, un legame che è evidente attraverso antichi miti e rituali.il salento è la terra del tarantismo, ed è qui che troviamo la danza “pizzica”che, con il suo ritmo frenetico suonato sul tamburello ha la capacità di trasportare la ballerina in uno stato di trance.

La leggenda della “tatanta” è che le persone, morse da un ragno velenoso, ballarono su questa musica ritmica per combattere gli effetti del veleno e ottennero protezione da san paolo.questa leggenda appartiene a un passato culturale meravigliosamente ricco con una tradizione tramandata di generaione in generazione. Oggi, questa musica quasi tribale è suionata in tutta la regione da varie band folk durante i mesi estivi, portando un atmosfra di felicità e festa nelle calde serate estive.di questi eventi musicali, la festa di San rocco e “la notte della Taranta” sono le più attese dalla gente del posto e dai turisti.

Insegnante

Lorem ipsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit sed diam nonummy nibh euismod tincid unt ut laoreet dolore magn psum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit sed diam nonummy nibh euismod tincid unt ut laoreet dolore magnpsum dolor sit amet, consectetuer adipiscing elit sed diam nonummy nibh euismod tincid unt ut laoreet dolore magn.